Archivio blog

domenica 24 marzo 2013

82°Giorno 23-03-13 Percorso: Bolivar - Tangua 125 km Hola' Colombiaaa!!! Adios Ecuador, pochi giorni rispetto alle altre nazioni ma intensi e sopratutto molto belli, buona comida, mi sono sempre dimenticato di dirvi che le banane non mature le friggono (mucho gustose), persone accoglienti e tempo adatto alle mie caratteristiche anche se con un percorso durissimo. Da San Gabriel subito dopo Bolivar ho incontrato molti ciclisti con la bicicletta a corsa e una volta in Colombia i ciclisti sono aumentati, c'e' molta cultura del ciclismo e in salita ho sempre trovato a turno compagnia, anche un Padre e suo figlio di 11 anni mi hanno accompagnato per un breve tratto, le avevo salutati come faccio con molte persone ai bordi delle strade e loro hanno inforcato la bici e vai... Altri incontri, una coppia di spagnoli di Granada, loro partiti dall'Alaska (Anchorage) fino ad Usuhaia, faranno 30000 km in due anni, molto bello l'incontro, io stavo scendendo e loro salivano... Appena le ho visti, ho alzato le mani, loro uguale e appena abbiamo saputo il percorso quasi identico abbiamo urlato abbracciandoci... Poi un Costaricano che va' in Brasile... E poi e poi.... Il percorso di oggi... E' scontatato ormai... Inizio e fine con molta salita e nel mezzo una gran bella discesa con panorami mozzafiato... Dico questa cosa, non so' se faccio bene a dirlo o no ma in Sud America la Polizia e' molta corrotta e prendono molte mance per chiudere un occhio anche se uno e' nel giusto... Oggi alla dogana colombiana non potevo avere la bici a vista d' occhio quindi ho chiesto ad un polizziotto se me la guardava... Mi ha detto ok... Al mio ritorno mi ha chiesto un dollaro... Non ce l'avevo, le avevo gia' cambiati in pesos colombiani... Ho lasciato l' Ecuador e sono in Colombia, moh... A manana hasta luego!

5 commenti:

Mirco ha detto...

Buongiorno Mauro, ben arrivato in Colombia. Lasciamo stare i commenti...un giorno ci sarà per tutti un giudizio Divino...Pensiamo alla "nostra" missione, come diceva Dante "non ti curar di lor, ma guarda e passa". Non ci parli della pioggia che eventualmente incontri, ma dal meteo le notizie sono leggermente cambiate e fino a mercoledì danno si pioggia, ma principalmente di notte o con temporali e quindi, con un pizzico di fortuna, potresti cavartela. Anche oggi partirai in salita per poi trovare una lunga discesa che ti porterà a quota 1000 dai quasi 2500 di Pasto.
Quando attraverserai il fiume Rio Pasto ricomincerai a salire per un poco per poi ridiscendere nuovamente fio a 700 mt. e poi percorrere un lungo tratto a questa quota in una lunga valle tra i monti. Quindi si salirà nuovamente fino ai 2000 mt. di Rosas per poi scendere nuovamente fino ai 1700 mt. di Popayan. Questo per grandi linee il percorso che troverai oggi e domani e, sulla carta, non dovrebbe essere molto duro come invece è stato in questi ultimi giorni. Buona giornata amico mio, ieri ho pedalato anche io ma oggi sono nuovamente fermo perchè qui tanto per cambiare piove e questa notte potrebbe anche nevicare a quote basse. E' un inverno anomalo che non molla e fino a Pasqua sarà così. Ma è meglio sia brutto qui da noi e invece faccia bello da te. Abbi cura di te.

Giancarlo Maini ha detto...

Caro Mauro, non ti preoccupare dei polizziotti corrotti perchè così va il mondo. Quanto a corruzione non è che in Italia siamo messi bene e ne stiamo pagando le conseguenze. Ma parliamo di cose serie: di tutti quei ciclisti che incontri giornalmente. Come vedi di meravigliosi 'pazzerelli' non ci sei solo tu. Però tu, per mille ragioni, sei il migliore in assolutoe e, come italiano e tuo amico personale, me ne faccio un vanto. Ogni giorno parlo orgogliosamente di te con amici e conoscenti, va a finire che fondo il partito "diabetes no limits", vinco le elezioni e ti eleggo presidente della Repubblica! Magari fosse possibile,non ho dubbi, staremmo tutti meglio. Forza Maurino! Salutoni. Giancarlo

MARIA MASTAI ha detto...

Quante incontri ed esperienze ! Ieri sera sono stata ad un concerto pro missione e i fondi andranno ad una missione in Brasile a Rio per fare in modo che conle olimpiadi non venga costruita la metro e palazzi e così i poveri che sono nelle baraccopoli debbano sloggiare dalle loro case . Sosteniamo tanti progetti e tu fai parte di un'altroprogetto che vuole dare speranza . Grazie ancora per quelloche fai ! Riguardati amigo .

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro quante testimonianze ci dai! quanti incontri positivi sulla tua strada! Quanta energia ci infondi! Oggi entriamo nella settimana Santa e avremo modo di pregare ancora di più e per starti ancora più vicino nella missione! Buon proseguimento un forte abbraccio Sabina e famiglia!

Isalma Pighetti ha detto...

Caro Mauro, è davvero emozionante sentire che sul tuo cammino incontri molti ciclisti, ed è bello sentire la gioia che traspare dai tuoi scritti, degli abbracci che vi fate, dell'allegria che provate pur non conoscendovi, sono esperienze forti, uniche che lasciano il segno, e ti sembra ogni volta di "essere a casa" per l'affetto che gli altri ti dimostrano...quando si condivide qualcosa come le fatiche, i successi, sembra davvero di conoscersi da una vita! Oggi è la domenica delle Palme...chissà in America Latina come la celebrano...magari usano davvero le palme e non gli ulivi come da noi.Buona Domenica e buona Settimana Santa! Ciaooooo.