Archivio blog

martedì 19 marzo 2013

77•Giorno
18-03-13
Percorso: Pallatanga - Passo Ande max 3800 metri - Riobamba 94 km

Holà,
giorno mitico dal lato sportivo...
Una salita interminabile, quanto ho arrancato, a zig zag, a un certo punto ho trovato compagni, ragazzi e poco dopo una ragazza che salivano a piedi... E abbiamo chiaccherato...E sono salito bene ma era dura... In situazioni estreme quanto siamo fiscali... Priorità nell'alimentazione e una gestione della glicemia maniacale, con la scelta ottima di avere sempre una glicemia tra i 140 mg e i 200 mg... E la preghiera più assidua... Al punto che ho detto quanta provvidenza, perchè davanti e dietro a me tempo brutto e sopra di me niente... poi un pò d'acqua l'ha fatta ma se pioveva forte era veramente un grosso problema...Una volta in cima 3800 metri, discesa, freddo... Ma urlavo... urlavo... Perchè vedevo Riobamba a 2700 metri... Si sono felice e ringrazio Dio che ha permesso tutto ciò...
In serata cambio del copertone dietro (solo due giorni fà l'ho cambiato ma si era ovalizzato a piegarlo tutti i giorni).
Sarò stanco, anzi sono stanco ma và beneeeee cosiiiiii!!!!!
Ciao "Me gusta l'Ecuador!


5 commenti:

Mirco ha detto...

Buongiorno Mauro, non aggiungo aggettivi alla tua qualifica perchè non ne esistono di così grandi da renderti giustizia, la butto lì, sei immenso. Credo che le nostre preghiere contro la pioggia abbiano ricevuto ascolto altrimenti sarebbe stata tostissima. Non ti nascondo che leggendoti ed immaginando quello che vedevi e quello che hai provato mi è scesa una lacrima, non me ne vogliano i nostri compagni di viaggio, ma forse solo chi ha sofferto sulla bici su lunghe salite riesce a percepire il tuo stato d'animo e l'immensa soddisfazione che ti pervade.
Carissima Isalma, il riso è forse l'elemento più completo per un atleta, poi c'è chi non lo gradisce e preferisce la pasta, ma il riso è il top ed anche i fagioli sono un eccezionale elemento di nutrienti, un vecchio Medico sportivo che ora non c'è più (forse Giancarlo lo ricorda), il Dr.Luigi Lincei (Medico di Coppi) li definiva "i tortellini con la buccia". E' una alimentazione considerata povera, ma per il fisico non è così. Anche il maiale adesso è positivo per Mauro, perchè contiene quei grassi che servono per contrastare le basse temperature e sopportare meglio la pioggia (ma speriamo non ci sia). Meteo e temperature sono anche oggi come ieri, vento non ci sarà se non leggero, credo proprio che all'appuntamento col Console non arriverai in cravatta, ma sicuramente ci sarai. Chiudo con un riferimento a Sua Santità Francesco, a messo al primo posto la tutela dei poveri e il rispetto dei giusti, Lui non sa dove sei e cosa stai facendo, ma per come intende lui la Fede credo che ogni Sua Preghiera ed ogni Sua Benedizione arriveranno fino a te che vivi con gli stessi valori nel cuore. Sei un GRANDE Mauro, un abbraccio.

Maria Angela ha detto...

Che bello Mauro ricevere le tue notizie così cariche di gioia e di entusiasmo! Anche a noi sembra di essere lì ad ammirare dall'alto Riobamba e ...tra poco Quito.
Grazie infinite per quanto condividi con noi e soprattutto per quanto stai facendo.Avanti sempre con la tenacia che ti caratterizza. Siamo con te. Ciao. Maria Angela

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro ti vediamo andare su a zig zag con tanta tenacia e scendere giù come un matto dal freddo ma con tanta felicità per avercela fatta! Che dire ci dai tante emozioni...le tue urla arrivano fin qua... e noi continuiamo a credere nel progetto ...che un matto come te pieno di forza porta avanti... e dei matti come noi ti aiutano!!!!L'AMORE CREDE NELL'IMPOSSIBILE- DIABETES NO LIMITS

sergio ha detto...

Ciao Mauro, sempre più grande.Possiamo dire che non esiste salita impossibile l'importante é come si dice con lo spirito giusto.Cero che 3800 mt sono tantissimi e noi ci vantiamo quando andiamo a 1200 mt!!!!!!! Forza Mauro Quito si avvicina ma mi raccomando pazienza.A questo proposito di mando un passo di un libro che stò leggendo:

Soltanto con la Moderazione si può essere pronti ad affrontare gli eventi.Essere pronti ad affrontare gli eventi significa possedere un'accresciuta riserva di virtù.Con un'accresciuta riserva di virtù non c'é nulla che non si possa superare. Quando tutto si può superare, non ci sono limiti alla propria forza.
Saggia lungimiranza cinese!!!!!!!
Buona serata Mauro e a domani. Sergio

Isalma Pighetti ha detto...

E' proprio vero...la fatica di arrivare alla vetta è tanta...ma la soddisfazione di avercela fatta è immensa!Davvero ti vedevamo volare in discesa verso Riobamba!!! E allora, caro Mauro, continua spedito fino a Quito, dove l'Ambasciatore e Console troverai, con il quale della Missio parlerai, e lasciando il consolato saluterai. Ciao e ancora complimenti!!!