Archivio blog

giovedì 21 marzo 2013


80°Giorno
21-03-13
Percorso: Quito - Cayambe 74 km

Hola' 
Ushuaia missione compiuta!
No, tranquilli non sono impazzito...Questo e' quello che scrissi l' 80° giorno di tre anni fa'... Terminava  il tour di "Una Bici Mille Speranze..." Una Bici Mille Speranze 2013 non siamo ancora a meta'... 
Sono ospite di Rafael Catucuamba Balseca, un imprenditore Ecuadoreno (nel tessile) molto amico in affari con gli Italiani, sono nella sua reggia... Mi ha messo a disposizione la sua migliore camera con vista Cayambe, un ottimo pranzo, stasera cena, con il personale della reggia a mia disposizione.. e per lui potrei stare qui anche una settimana... Un'altra volta... Nell' ultima salita per Cayambe mi sento chiamare... mi stava aspettando, sono sincero, aveva da poco smesso di piovere ed ero intenzionato di arrivare a Otavalo distante circa 30 km, ma non sono riuscito a dirgli di no! Gentilezza estrema.
Ma ho dovuto dirgli di no alle sue proposte di portarmi a destra e sinistra... ma ho visto la sua fabbrica.
Tornando alla "Nostra Missione" avrei piacere di arrivare a Medellin (Colombia) dove si conclude il Sud America prima di Pasqua, ma sara' difficile... Salite infinite mi attendono senza respiro e non posso nemmeno pensare di portarmi avanti dormendo in tenda perche' la pioggia in questo periodo e' di casa...
Comunque andra' l'importante sara' arrivarci!
Ringrazio voi tutti che mi seguite tramite blog, sms, email, preghiere e  pensieri. Scusatemi se rispondo con il contagoccie...
GRAZIE!
Ciao hasta luego!
P.S. Dopo 10 km altra foratua, e ieri mi sono dimenticato di dirvi che il diabetologo Pasquel di Quito mi ha portato 2 Glucagen, il farmaco salvavita (ipoglicemie) per i diabetici insulino dipendenti usato tre volte in 29 anni da "Diabetico fortunato"

5 commenti:

Isalma Pighetti ha detto...

Grandissimo Mauro! Hai visto che hai amici dappertutto senza nemmeno saperlo??? Ieri ci speravo proprio nel Glucagen da parte del dott.Pasquel...ma ora tu ce lo confermi, GRANDE amico medico diabetologo di Quito, tutta l'Italia ti ringrazia! Sicuramente adesso potrai stare più tranquillo, una sicurezza in più tra le mani...e con te staremo più tranquilli anche noi! Ti voglio ringraziare perchè ogni giorno contribuisci alla nostra santità. Si, perchè di quello che scrivi nulla va perduto...sei come il seminatore che getta le sementi sulla terra...e adagio a adagio danno frutto, magari non subito...ma a distanza di giorni, quello che ci scrivi, suscita in noi delle riflessioni profonde...ci dai così modo di pensare sempre più alla nostra vita e a dove potremmo migliorare, per divenire ogni giorno più conformi a Cristo, colui che è morto per la nostra salvezza. Buona notte e buon riposo nella reggia dell'amico Ecuadoreno imprenditore Rafael!

Mirco ha detto...

Ciao Mauro, vedo dalle foto che anche l'Ecuador in quanto a povertà non scherza e comunque traspare sempre la gioia che il tuo passaggio suscita nella popolazione. Resterà a lungo il ricordo del "loco" che ha attraversato in bici le Americhe e chi ti avrà conosciuto porterà con se il ricordo del tuo "messaggio". Credo anche io che Medellin prima di Pasqua sia una bella impresa, non so, visti i percorsi, se riuscirai a percorrere tappe oltre i 100 Km., poi con la pioggia tutto si complica. Sto cercando di recuperare informazioni sull' altimetria del tuo percorso, spero di riuscirci. Buon riposo amico mio e che la nuova giornata ti sia amica.

MARIA MASTAI ha detto...

Che bello ! Sento i bimbi della città della speranza che fanno il tifo per te insieme a tutti gli amici. Bueno che hai trovato il tuo farmaco pensavo è rischioso ma ora ci fa stare più tranquilli . Buona pedalata e credo che abbia potuto riposare bene nella reggia . Quante esperienze, persone hai incontrato e incontrerai . Ciao amigo !

Monse Catucuamba ha detto...

Hola Mauro!!.. ha sido todo un placer tenerte en nuestra casa junto a mi familia, sei GRANDE !!... no dudes en llamarnos si necesitas cualquier cosa, lo que sea!!. Dios bendiga tus pasos y cuenta con nosotros para todo. Un abranzo enorme desde Cayambe. Piaccere!

sabina federigi ha detto...

Con gioia e un pò di nostalgia ricordo la prima frase che hai scritto! che ricordi mitici! vedere il puntino che impazziva sul pc e che non si voleva fermare nel punto prestabilito per andare oltre... per non voler ammettere che il tour doveva terminare...tornare alla reltà...Grande Mauro hai avuto il coraggio di portare avanti anche questa missione e noi siamo di nuovo con te a vivere tante emozioni,e tante opportunità di fare del bene.Non cercare di fare più di ciò che puoi così che a Pasqua sarai dove dovrai essere!!! Hai ancora tanta strada da fare.... un grande abbraccio da Sabina ,Danilo, Elena e Antonino