Archivio blog

mercoledì 20 marzo 2013

78•Giorno
19-03-13
Percorso: Riobamba - Lasso 141 km

Holà,
pronti, via... Subito a 3500 metri per poi ri scendere a 2500 metri.. L'altalena, sono le Ande! Nel finale il vulcano Cortopaxi alla mia destra (molto bello). Con sofferenza è andata anche oggi. Ho incontrato 2 canadesi, uno arriva ad Ushuaia per poi volare in Australia, l'altro si ferma in Perù e una coppia di tedeschi senza meta, che gran festa ci siamo fatti! Per concludere la giornata ho fatto 20 km in più... Mi hanno detto: Lasso hotel, Lasso Hotel... Il problema che non trovavo Lasso... Senza indicazioni...poi una volta trovato Lasso non trovavo hotel... Una volta trovato Hotel, domando "hay restaurant? Mi rispondono: de fronte! De fronte? Donde? Una baracca... Però ho mangiato bene e la stanza era piena... Delle volte è una barzelletta che ora ci rido, ma al momento... Tutto incerto...
Domani ho l'appuntamento alle 13:00 all'entrata di Quito dove mi scorteranno fino all'ambasciata e l'accoglienza ufficiale alle 17:00/18:00.
E il Film/Mission/avventura accompagnato dall'amore che crede nell'impossibile continua...
Ciao

4 commenti:

Mirco ha detto...

Grande Mauro, la settima perla è pronta, Quito ti riceverà con gli onori che meriti. Sarà giornata di festa e probabilmente per un giorno non ci sarà da soffrire, credo che fino a Quito non dovresti trovare grandi dislivelli e speriamo che il tempo tenga. Un grande abbraccio ed un lungo applauso.

sabina federigi ha detto...

Tra pochi km arriverai alla metà ! Ancora una volta ce l'hai fatta! In tutte le tue incertezze che diventano sicurezze troviamo la speranza per poter trovare sempre una soluzione a tutto in ogni momento della vita! grazie per il tuo coraggio e la tua forza spirituale! ciao a presto Sabina

Mirco ha detto...

Ecco Mauro, la settima perla è infilata nella collana. Goditi questo momento di festa e tutto l'entusiasmo che sicuramente ti circonda. Se domani opterai per una giornata di riposo credo che te la sei senz'altro meritata, se invece riparti subito punterai sicuramente su Ibarra. Il meteo prevede molta pioggia ed anche intensa (ma sarà così almeno fino a Domenica). Troverai subito una lunga salita per poi viaggiare sull'altopiano ad una quota di 2200-2400 mt. e quindi sarà una giornata impegnativa. Per adesso buona serata e goditi i festeggiamenti che senza dubbio ti saranno riservati.

Marta Graziani ha detto...

Carissimo Mauro,
eccoti nella capitale dell’Ecuador: Quito. Ho sentito in questi giorni, l’ambasciatore Gianni Piccato e il console Enza Bosetti. Li ringrazio per tutto quello che hanno e stanno facendo per accoglierti e per valorizzare la tua impresa, il tuo messaggio. Ho percepito la loro attesa, la loro gioia e la loro preoccupazione… anche per trovarti il famoso “Gluacagen Hypokit” grazie ad uno dei migliori diabetologi di Quito, il Prof. Pasquel.
Grazie, grazie di cuore. Sento che diventano vere le parole del nostro nuovo Santo Padre, Papa Francesco, quando ieri, nell’omelia del suo ministero, ha pronunciato: “E’ il custodire la gente, l’aver cura di tutti, di ogni persona, con amore….” E ancora “vorrei chiedere, per favore, a tutti coloro che occupano ruoli di responsabilità in ambito economico, politico o sociale…: siamo “custodi” della creazione, del disegno di Dio iscritto nella natura, custodi dell’altro…” Grazie Ambasciatore per avere “custodito” questo ragazzo ciclista diabetico insulino dipendente: accogliendolo, prendendosi cura di lui con attenzione e con tenerezza.
Sono questi gesti che generano giustizia, che costruiscono fratellanza, che fanno “risplendere la stella della speranza” che fanno “credere nell’impossibile”.
Caro Mauro, sento che sei sempre di più portatore delle 3 S: Sport, Salute e Solidarietà… anzi ora 4, Speranza! Sento, che sei in piena sintonia con il grande dono che la Chiesa sta vivendo in questo tempo: Un papa dell’America Latina, e tu sei là; un papa che guarda particolarmente i più poveri, i più deboli, e tu sei là a “pedalare” per raccogliere fondi per i progetti “educativi dei bambini dell’America Latina”.
Ora capisco… perché tu dovevi partire e proprio in questo tempo essere là. Nulla viene a caso!!! Che la tua generosità, provochi tanta Provvidenza!
Coraggio allora, continua a portare il calore della Speranza! A presto!!!!
Marta