lunedì 6 maggio 2013

125•Giorno
05-05-13
Percorso: Tepic - Acaponeta 136 km

Holà,
prevedi, programmi ma poi la strada ti dice che...
Partenza fiacca... Appena imbocco l'auto pista si spezza un raggio della ruota posteriore e poco prima di arrivare qua un'altro raggio... Prevedevo di andare più avanti e dormire in tenda ma certe riparazioni preferisco farle non in strada... Sostituiti raggi ma a Mazatlan è meglio che facci centrare la ruota con lo strumento adatto che non ho. Domani non farò l'auto pista (buon asfalto, tragitto più corto) perchè ti leva il contatto con la gente, gli holà... E poi è un autopista senza stazioni di rifornimento, oggi 110 km di niente.. E con questo caldo se possibile acqua fresca e gelato è il benvenuto... Un conto è essere in Patagonia, sei costretto e può essere affascinante.... Ma questa auto pista, vedi i paesi e non puoi uscire... Niente di affascinante! Appena arrivato il mio solito giro nella piazza principale e varie conoscenze... Quando arrivo in anticipo, senza l'obbligo di cercare subito l'albergo, mi piace osservare, parlare e contemplare...
Sto scrivendo in un hotel in una stradaia a dondolo... Tutto è particolare...
Ciao! Hasta luego

12 commenti:

Mirco ha detto...

Ciao Mauro, va bene così, non c'è fretta. Per la giornata di oggi direi che Mazatlan è tranquillamente alla tua portata. Il percorso è piatto come un biliardo, ci sarà sole, ci sarà caldo mitigato un poco dalla ventilazione (26-30°). Ecco ilvento, che arriverà dall' Oceano, potrebbe darti un poco fastidio soffiando di lato. Spero trovi un buon meccanico per sistemare la ruota. Un abbraccio.

michele ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
michele ha detto...

Ciao Mauro
Ti seguo giornalmente tramite i tuoi post, inutile dire che sensazioni trasmetti con i tuoi racconti "LASCI IL SEGNO".
Fino ad ora ti ho seguito in modalità off line, nel senso che non ero iscritto al blog e non riuscivo a vedere le foto che mano a mano pubblichi. Adesso che sono iscritto rileggerò i tuoi post dall' inizio così da apprezzare fino in fondo la tua missione.
Ti auguro un sincero in bocca al lupo per il proseguio della tua missione.
saluti

Roberto ha detto...

Caro Mauro,
nostro GRANDE Mauro!
Come accennavo a Marta venerdi scorso…Tu non sai quanto la tua generosità e nobiltà d'animo stian già aiutando tutti noi che ti seguiamo così assiduamente... Quanto ci è sempre piaciuto 'vederti' ed immaginarti gironzolare per i paesini, sebbene l'indugiare del GPS al mattino o alla sera o in tratti desertici ci lasciassero sempre un po' d'apprensione! Il mio augurio oggi, paradossalmente, potrebbe esser quello che questo tuo viaggio non finisse mai, ritornando ogni volta sui tuoi passi a riabbracciare i tanti amici o anche solo per rispondere a quegli sguardi interrogativi al tuo passaggio… come in un eterno oscillare fra gli estremi del Mondo! Continua a prenderti tutte le tue pause (e facci tante foto!), chissà che non siano proprio quelle che tengono insieme tutta questa montagna di eroiche imprese!
Tornando alla cruda realtà però… questi cedimenti strutturali saranno solo da sovraccarico ma come dici tu sarebbe il caso di riequilibrare bene gli assetti... A proposito di Mazatlan: sicuramente il buon Mirco (di cui contraccambio i saluti e, chiedendogli consulto x ciò che sto per proporti, ringrazio insieme a tutti quanti) ti confermerà ma come forse sai già dopo Guamuchil questa interminabile Autopista 15 si unirà in un'unico percorso obbligato per altre centinaia di chilometri fino a Eroica Guaymas… Non sarebbe forse il caso dopo il Pit-Stop a Mazatlan di valutare subito da lì il passaggio anticipato in traghetto verso l'incantevole penisola che hai di fronte? Non so se da Mazatlan servano solo Cabo S.Lucas o/e se tutto sommato il percorso diventerebbe troppo desertico e ventoso… certamente le tappe laggiù saranno da programmare con attenzione, specie alle riserve idriche e alle distanze fra le località turistiche (sicuramente meno economiche) in base alle condizioni atmosferiche… ma non riesco a nasconderti che la tentazione al posto tuo per me sarebbe fortissima.
A proposito di FORZA… mia figlia Giorgia continua a chiedersi di cosa ti alimenti ogni giorno, quanti CHO riesci a stimare e soprattutto come fai ad andare sempre come una locomotiva!
Le notizie dagli USA (per i dettagli privati fai riferimento alla tua mail che Marta mi conferma tu leggi sempre) son più che confortanti, dalla cugina di NY arrivan richieste sempre più specifiche e credo fra breve cercheranno un contatto diretto per accordarsi sugli incontri da programmare con te. Ho chiesto a Marta di spedirmi il DVD del 2010 in modo da soddisfare le loro pressanti richieste di vederti in filmati, soprattutto in terra d'Argentina e Patagonia. Hanno da tempo ormai tutti i links alle foto di quest'impresa ed ai pochi filmati disponibili online.
In realtà conoscendo il loro pubblico (ma non conoscendo affatto la psicologia dei diabetici) vorrebbero farti pure richieste alla S.Tommaso, tipo filmati/foto dei tuoi controlli glicemici o addirittura dei boli insulinici… valuta tu se soddisfare o no queste loro curiosità, magari con 1-2 foto scherzose con aghi e pneumatici…

… E INTANTO…LA TUA FAMA TI PRECORREVA e… LA TUA GRANDE AVVENTURA STAVA ORMAI TRASFORMANDOSI IN… LEGGENDA!!

Tanti, tanti abbracci ad noi tutti!

Roberto ha detto...

OPS!!
Come non detto!
Scusatemi Mauro e Mirco, avendo solo dato un'occhiata al mappamondo della figlia e disponendo solo del ricordo degli splendidi documentari della Baja California... non avevo mai controllato più da vicino la cartografia di quella penisola lunga come l'Italia!
A meno di fornire Mauro di un bel Poncho, Chitarra e carretto delle Acque e Gelati Italiani da agganciare dietro la bici (a suo esclusivo uso e consumo)... con Ventilatore da Spinta incluso... sarebbe totalmente impossibile attraversare quelle distese desolate per un ciclista!
Ma nemmeno col migliore dei fuoristrada... il tragitto sulla ! da La Paz è totalmente PAZZESCO!! Nemmeno quello da Santa Rosalia attraverso quelle montagne fino ad Ensenada sarà da sottovalutare, in effetti...
Mi scuso per l'insensatezza della precedente fantasia...

Mirco ha detto...

Tranquillo Roberto, sono sempre dell'idea che quattro occhi vedono meglio di due e che otto occhi vedono meglio di quattro, quindi ben vengano le osservazioni, poi si valutano...a parte gli scherzi credo sarà veramente dura, ma molto meglio che rischiare di trovarsi la notte in tenda sul Confine Messico-USA...Ci prepareremo al meglio e confidiamo, come sempre, nella Provvidenza Divina.
Buona serata

sabina federigi ha detto...

Caro Mauro sono certa che dall'hotel dove tutto è particolare stai gia abbandonando la fiacca che ti ha accompagnato in questa lunga giornata!!!Tu ci hai insegnato come non abbatterci nei momenti duri,quindi avrai già trovato nella preghiera una soluzione alle tue perplessità!!!Per quanto ha scritto Roberto sul momento della fine del tuo viaggio, quando a tutti ci mancherai notevolmente...e lo sappiamo già...perchè ci siamo già passati, non è il caso di anticipare i tempi! Ma di viverci questa esperienza con te giorno per giorno assaporandone tutti gli aspetti e tutte le tonalità deivari colori e sapori che ci dai!!! Continua alla grande come sai fare tu e il messaggio continuerà a diffondersi!!! ciao a presto Sabina e famiglia

MARIA MASTAI ha detto...

Grande come ormai sappiamo che sei una persona che non si ferma davanti alle difficoltà . Che fuerza campione stai dando esempio a tutti noi . Riposati e riguardati amigo il viaggio continua ed ormai siamo oltre la metà del viaggio . Sei mitico ! Ciao

Isalma Pighetti ha detto...

Certo Mauro, ottima scelta quella di ritornare sulla strada che attraversa i paesini e ti da la possibilità di passare in mezzo alla gente...altrimenti ti perderesti tutti quegli stupendi incontri "nel salotto di casa tua"!!! A lungo andare anche l'auto pista comoda e ben asfaltata diventa troppo monotona e senza i colori tipici del popolo messicano. Le persone ti aspettano e ti vedono volentieri. Vai Campione! Buon riposo.

Mirco ha detto...

Buongiorno Mauro, anche se per te in questo momento è Buona notte visto che lì da te è l'una notturna. Dal GPS direi che dormi in tenda e sei andato 30 Km. oltre Mazatlan. Hai optato per il braccio sinistro della Statale 15 (ad occhio direi la superstrada), ottima scelta perchè è tutta perfettamnte piana, mentre l'altra è costellata di saliscendi ed il percorso sembrava veramente impegnativo. Sei riuscito a sistemare la ruota? Azzardo che nella tua testa c'è la convinzione di essere questa sera a Culiacan, a stima ti dico che sono circa 180-200 Km. ma saranno conditi di grande caldo 30-34° e purtroppo con umidità al 70%. Ci sarà vento laterale ed essendo in prossimità della costa si farà sentire rendendoti meno agevole il pedalare, speriamo almeno ti dia refrigerio. Solite raccomandazioni su alimentazione e reintegrazione idrica. Buona giornata.

sergio ha detto...

Ciao Maurone, condivido con té meglio fare strade più tranquille e meno dirette e non perdere il contatto con le persone.Penso che questo contatto sia la medicina migliore quando arrivi che sei stanco o hai un problema da risolvere. Cosa c'é di meglio che di un bel sorriso e una sana chiaccherata con le persone? Ho già inviato a Mirco la nuova altimetria del percorso che avete concordato a breve riceverai tutti gli aggiornamenti per il prosieguo della tua impresa. Buona serata amigo e ancora Vamos Sergio

tomas castro ha detto...

Hermosillo lo ha visto uscire di Domenica 12 maggio, porto molto bello, mi chiedo quanto servizio di distanza Hermosillo era accanto a ricaricare l'acqua. riposa in pace che vergogna, che ha combattuto contro Deabetes e si è conclusa in questo modo, è morto in Sonora Messico nei pressi di una città chiamata trincee, ora il tuo corpo è al carro funebre di Caborca​​, Sonora e non è possibile individuare la sua famiglia